Call Me By Your Name 🍑

Tra pochi giorni saranno rese note le candidature agli Oscar ed è molto probabile che Luca Guadagnino con la sua ultima fatica, Call Me By Your Name per l’appunto, riceverà delle più che meritate nomination.

Avendo letto precedentemente il libro da cui è tratta la pellicola e solo poi visto il film volevo partire dalle pagine scritte per fare una combo delle mie: non recensione + consiglio non richiesto.

Continua a leggere…

Annunci

scusa – 2018

Sono sparita, mi sono persa e sono riemersa. Ho chiesto scusa, lo dovevo fare da tanto tempo. Ho salutato l’anno vecchio stilando una lista di voci che descrivono la persona che vorrei provare a diventare e ho chiesto scusa per aver fallito già nella prima metà di questo strano gennaio sospeso. Ho capito che a volte non c’è bisogno di dire scusa a voce alta, spesso è molto più efficace dimostrarlo. È anche più difficile, ma ho imparato ad apprezzare la complessità e le lacrime necessarie a raggiungere tutto ciò che si trova apparentemente troppo in alto e fuori dalla nostra portata. Ho smesso di mordermi la lingua ed ho iniziato a calibrare le mie parole, è un difficile equilibrio, parlare o tacere. Nel dubbio scelgo il silenzio con persone e questioni di poco conto e alzo la voce quando è essenziale farsi udire, protestare e non abbassare la testa. Ho chiesto scusa per questa mia continua insoddisfazione e il mio perenne vivere tra passato e futuro, sminuendo il presente. Ho chiesto scusa per questa mia fretta di crescere, per il mio desiderio di avere trent’anni, di voler scappare lontano senza però muovere un passo. Ho chiesto scusa a me stessa per l’inadeguatezza che a volte provo, per la facilità con cui a volte lascio ancora penetrare in profondità i giudizi altrui, per le mie mancanze che poi sono sempre le stesse. Sarò sempre incostante, inizialmente entusiasta di tutto e poco dopo desiderosa di andare oltre verso qualcosa di nuovo o diverso, sarò sempre approssimativa e dirò comunque qualche parola di troppo. Ma non avrò per sempre vent’anni, un paio di gambe veloci e una testa piena di progetti, perciò dico scusa un’ultima volta e inauguro (in ritardo) questo 2018. Buon anno a tutti!

Girlboss (Netflix | 2017 – )

Io non avevo la più pallida idea di chi fosse Sophia Amoruso, né avevo mai sentito parlare della sua (ex) creatura, ovvero il sito Nasty Gal. Ecco, dopo un’intensa maratona di tredici episodi sono qui a raccontarvelo.

Sophia è una ragazza di ventitré anni che non sa bene dove sbattere la testa, come tutti noi ventenni. Non riesce a tenersi un lavoro, ha un avviso di sfratto che le pende sulla testa come una pericolosa spada di Damocle e un padre che le rivolge solo sguardi delusi.Continua a leggere…

Paturnie – Spring Edition 🌼🌸🌷

Le cosiddette paturnie sono un inspiegabile fenomeno che prima o poi, più o meno frequentemente, colpisce chiunque. Poi ognuno ha un proprio personalissimo metodo per scrollarsele di dosso o perlomeno relegarle in un angolino recondito del nostro essere; Holly Golightly si concedeva una capatina da Tiffany e una mia amica passeggia per Brera ammirando case con terrazze meravigliose, che molto probabilmente non potrà mai permettersi.

Continua a leggere…